Placido Rizzotto - Di Palermo sas

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Città

Placido Rizzotto

Nacque a Corleone il 2 gennaio 1914. Dopo il normale servizio di leva, a 26 anni, fu richiamato alle armi, con destinazione la Carnia. Fu proprio lì che preferì stare al fianco delle brigate partigiane piuttosto che combattere la guerra del fascismo. La Resistenza fu, per Placido,una grande scuola; fece suoi gli ideali di giustizia e di libertà e lottò per difenderli e renderli concreti.Infatti, tornato a Corleone, in una naturale ed istintiva continuità, trasferisce la sua esperienza bellica nell’organizzazione di un sindacalismo in grado di opporsi ai poteri occulti, così come i partigiani si erano opposti ai fascisti e ai nazisti e di occupare le terre incolte per distribuirle a contadini e braccianti in pieno potere della mafia.

Eletto segretario della Camera del Lavoro, Rizzotto organizzò i contadini, li aiutò a costituire la cooperativa agraria “Bernardino Verro”ed insieme diedero vita alle prime lotte per l’approvazione dei Decreti Gullo


Cofferati inaugura il busto bronzeo di Placido Rizzotto posto  in Piazza Garibaldi

PERCHE’ FU UCCISO?


Per fermare i contadini tra la fine del ‘47 e gli inizi del ’48, gli agrari e la mafia iniziarono una vera e propria caccia ai dirigenti politici e sindacali della sinistra. A Corleone, l’obiettivo fu Placido Rizzotto che, la sera del 10 marzo 1948, venne sequestrato ed ucciso.
La voce popolare indicò subito Luciano Liggio l’autore del sequestro e dell’omicidio di Rizzotto. L’ipotesi trovò conferma alla fine del ’49 quando il giovane capitano dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa, arrestò e convinse a parlare Pasquale Criscione e Vincenzo Collura.
Si celebrò il processo in tutti e tre i gradi di giudizio ma Liggio e i suoi complici furono sempre assolti con la classica formula dell’insufficienza di prove. Il delitto rimase così impunito.
I Corleonesi, riconoscenti, nel 1993 gli hanno dedicato una via della città ed un busto situato in piazza Garibaldi.

Indietro

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu