Archeologia - Di Palermo sas

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Città

Archeologia

Adiacente al Bosco di Ficuzza sul versante occidentale del massiccio della Rocca Busambra, troviamo parecchi insediamenti di particolare rilievo storico - archeologico come Grotta Cutropia, Grotta Cicio, Villaggio Pirrello e l'insediamento del Pizzo Nicolosi risalenti all'Età del Rame e del Bronzo.

 

Per chi vuole fare una lunga camminata a piedi si raccomanda una escursione alla Montagna Vecchia, che sovrasta il centro abitato, che garantisce un gradito e spazioso panorama e parecchie sorprese archeologiche. Qui infatti è situato uno dei più importanti siti archeologici, oltre che per dimensione, per quantità di ritrovamenti che attualmente vanno ad arricchire il patrimonio il museo di Corleone.

Nel Museo Civico di Corleone si conservano gran parte dei reperti ritrovati nel territorio.

I reperti del paleolitico superiore e mesolitico sono stati ritrovati lungo le sponde del Belice sinistro, in contrada Muranna. I reperti del neolitico comprendono quelli provenienti dalla grotta Cutrupia presso Pizzo Nicolosi, dalla grotta Favarotta e dalla contrada Giacomobello presso Montagna Vecchia. I reperti dell'età del bronzo e del ferro sono stati ritrovati nel sito della montagna vecchia e di pizzo spolentino

I reperti del periodo Greco-classico ed Ellenistico-Romano provenienti dalle contrade Strasatto, Carruba, Bisagna comprendono ceramiche, bottigllie di vetro e monete puniche bronzee.  

ll pezzo più pregiato e, storicamente unico in Sicilia, è sicuramente il "Miliarium" riportante l'epigrafe di Aurelio Cotta Console con l’indicazione “ LVII ”, che indica la distanza in miglia da Agrigento, in quanto era posto lungo la strada consolare romana Palermo-Agrigento.

Particolarmente significativa infatti l’epigrafe che con il suo stile di caratteri apre una discussione tra i linguisti a proposito dell’uso della “U” nella sua trasformazione del simbolo originariamente “V”.
Tale reperto è stato ritrovato nel 1954 dal Prof. Vincenzo Mancuso e dal Sign. B. Saltaformaggio in contrada Zuccarrone ed annesso nel 1991 alla collezione civica.
 Alcune notizie e immagini sono gentilmente concesse dall'I.C. Vasi di Corleone

Un itinerario più completo su Corleone lo si può consultare nel sito dell'istituto comprensivo alla sezione il paese
www.icvasicorleone.gov.it

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu